Home » Testimonianze » A NOVENTA PADOVANA L'ACCOGLIENZA E' DI CASA

A NOVENTA PADOVANA L'ACCOGLIENZA E' DI CASA

A NOVENTA PADOVANA L'ACCOGLIENZA E' DI CASA - Comitato Padova Est

Lo è sicuramente per l’associazione Aiutiamoli a Vivere che dal 1996 nel periodo tra la fine di agosto e l’inizio di ottobre ospita bambini bielorussi di un’età compresa tra i 7 e i 10 anni. Per i piccoli ogni viaggio in Italia rappresenta l’occasione per scoprire e conoscere lingua e abitudini delle famiglie ospitanti, trascorrere un breve periodo di vacanza seppur regolato dagli impegni scolastici e, last but not least, essere sottoposti ad accertamenti medici, dall’ecografia alla tiroide indispensabile per monitorare gli ancora devastanti effetti della nube di Cernobyl del 1986, ai controlli di routine con oculista, dentista e l’immancabile visita pediatrica.

Quest’anno il progetto accoglienza ha coinvolto 16 bambini (10 femmine e 6 maschi); accompagnati dalla maestra Valentina Astapovich e dall’indispensabile interprete Janina Huzanava, sono arrivati il 28 agosto e ripartiti il 30 settembre.

Come è ormai consuetudine i piccoli hanno potuto trascorrere una settimana di “vacanza nella vacanza” al Cavallino di Iesolo nella colonia della Diocesi di Vicenza.

Per molti di loro è stata quella la prima occasione per scoprire il mare, la magia e la particolare alchimia che si creano dalla miscela di sabbia e acqua salata.

Per completare la conoscenza del territorio i bambini bielorussi sono potuti salire, per un lungo fine settimana, sulle montagne di Falcade.

La scuola deve comunque rappresentare una priorità. Quest’anno alla comitiva bielorussa è stata riservata un’aula nel nuovo istituto Anna Frank di via Cellini nella quale tutte le mattine e due volte la settimana il pomeriggio si potevano udire voci che lanciavano nell’aria parole di una lingua difficilissima da comprendere.

Dal momento che “la lingua batte dove il dente duole”, per ridurre il rischio che ciò accada anche i bambini bielorussi sono stati protagonisti a scuola di un progetto articolato in due incontri per una corretta igiene dentale.

Nell’aula a loro riservata, al termine di una breve cerimonia, ai piccoli Aliaksandr, Yahor, Darya, Yuliya e Tamara che hanno terminato il progetto triennale di accoglienza in Italia il sindaco Alessandro Bisato e il responsabile del plesso scolastico Giorgio Di Marco hanno consegnato il gagliardetto del comune di Noventa Padovana.

L’accoglienza di Aiutiamoli a Vivere quest’anno è diventata maggiorenne. A ricordarlo dalla Bielorussia sono arrivati Victor Filonenko (25 anni) e Alessia Malinkova (28 anni), ospitati nel lontano 1996 rispettivamente dalle famiglie di Antonio Floriani e Mauro Testa a dimostrazione che una iniziale conoscenza, per quanto casuale, in presenza di una comune volontà può diventare nel tempo una inossidabile amicizia, un ideale cordone ombelicale che niente può tagliare.

Gli ospiti bielorussi hanno concluso la loro permanenza sul territorio italiano partecipando il 26 settembre alla festa organizzata per loro nel meraviglioso scenario di Villa Valmarana, dove le canzoni e le poesie dei piccoli si sono mescolate alle musiche e alle melodie proposte dalla Corale Tukituki dell’ULSS 16 di Padova.

Giovanni Rattini